La co-dipendenza: i gruppi di sostegno per i familiari

Anche chi vive con un alcolista, un tossicodipendente, o un giocatore compulsivo ha bisogno d’aiuto.

Anzi, spesso i familiari soffrono di quella vera e propria malattia che si chiama co-dipendenza: non sono loro a bere, a drogarsi, a mettere in atto un comportamento compulsivo, ma è come se fossero essi stessi drogati dallo stress, dai ragionamenti malati, dalla necessità di controllare sempre il comportamento di chi sta loro accanto.

Spesso i partner di chi ha un problema di dipendenza vivono ansia (il dipendente ha dei frequenti sbalzi d’umore) paura (specie quando il familiare malato è anche violento), insicurezza economica, mancanza d’affetto, senso di vergogna e isolamento. S

ono condizioni pensantissime per un coniuge o un genitore, ma forse ancor più devastanti per un figlio, che crescendo non riceve l’amore e l’attenzione cui avrebbe diritto, e assorbe sensazioni di paura e incertezza a un livello molto profondo.

Continua a leggere