Pensare un po’ a se stesse non è egoismo. Parte I

Foto di Fardazza/cristinella http://www.flickr.com/photos/fardazza/

Foto di Fardazza/cristinella http://www.flickr.com/photos/fardazza/

Pensare a se stesse? Per molte persone, e soprattutto per le donne, è un’arte difficile. Dovrebbe essere naturale prendersi cura di sé e dei propri bisogni, darsi da fare per soddisfare le proprie esigenze… Eppure spesso molti condizionamenti ce lo impediscono. Un articolo dedicato alle donne, ma utile anche per gli uomini che vogliano capire meglio la propria compagna

Non è facile ritagliarsi del tempo e delle energie per sé stesse, per donne che spesso sono contemporaneamente mogli, madri, lavoratrici o professioniste… Una donna nel pieno della sua vita è presa da mille cose.

Eppure spesso si esagera. Ci si carica di impegni che non sono sempre così necessari. Ci si dimentica di delegare. Si affronta tutto e subito, come se la vita non avesse un domani, dimenticando le proprie priorità e perdendo di vista le proprie esigenze profonde.

Continua a leggere

Il tempo delle donne. Sogni, desideri, contatto interiore

Foto di Sara Meloni - http://www.flickr.com/photos/szarah/page2/

Foto di Sara Meloni - http://www.flickr.com/photos/szarah/page2/

Il tempo: bene prezioso, ricchezza impalpabile, materia che scorre tra le dita, sin troppo veloce, e non si riesce a fermare. La gestione, comprensione e consapevolezza del tempo è uno dei compiti più difficili che si pongono alle donne di oggi.

Donna e tempo: un incontro complesso, dalle innumerevoli implicazioni. E’ diversa, la percezione del tempo femminile, nelle varie epoche della vita.

Da bambine il tempo è eterno: fisso in lunghi attimi di stupore e meraviglia, in emozioni intense di gioia, nella percezione acuta del dolore e della paura, il tempo sembra comunque “essere” e non “scorrere”, esistere come realtà immobile o quasi, tra i punti fermi di affetti immutabili.

Anche da adolescenti il tempo è lentissimo. Inizia, in questa fase della vita, una percezione tutta femminile del ritmo delle ore. Chi non ricorda i lunghi pomeriggi vuoti, passati con la compagnia dello specchio, a scrutare il corpo che cambia, a cercare di indovinarne la bellezza in divenire, a paventarne i difetti?

Continua a leggere