La co-dipendenza: i gruppi di sostegno per i familiari

Anche chi vive con un alcolista, un tossicodipendente, o un giocatore compulsivo ha bisogno d’aiuto.

Anzi, spesso i familiari soffrono di quella vera e propria malattia che si chiama co-dipendenza: non sono loro a bere, a drogarsi, a mettere in atto un comportamento compulsivo, ma è come se fossero essi stessi drogati dallo stress, dai ragionamenti malati, dalla necessità di controllare sempre il comportamento di chi sta loro accanto.

Spesso i partner di chi ha un problema di dipendenza vivono ansia (il dipendente ha dei frequenti sbalzi d’umore) paura (specie quando il familiare malato è anche violento), insicurezza economica, mancanza d’affetto, senso di vergogna e isolamento. S

ono condizioni pensantissime per un coniuge o un genitore, ma forse ancor più devastanti per un figlio, che crescendo non riceve l’amore e l’attenzione cui avrebbe diritto, e assorbe sensazioni di paura e incertezza a un livello molto profondo.

Continua a leggere

Vivere con un alcolista

L’alcolismo non è un problema solo per chi beve: tutta la famiglia è colpita da questa terribile dipendenza

Se sei la moglie o la compagna di un alcol-dipendente, avrai probabilmente vissuto per lunghi anni in uno stato di continua incertezza (l’alcolista attivo è una persona dall’umore imprevedibile), di ansia (quando e quanto berrà?), di vergogna e di solitudine (forse ti sarai isolata per nascondere agli altri la verità, e per il timore di brutte figure provocate dalla sua ubriachezza).

Probabilmente sarai molto arrabbiata: dov’è finito l’uomo che hai scelto e sposato? Un marito non dovrebbe proteggerti e sostenerti? E poi ci sono tutti i problemi pratici ed economici…

Molto spesso le compagne (e le altre persone della famiglia) dell’alcolista finiscono per essere ossessionate dalla malattia proprio come lo è lui: solo che tu pensi costantemente a come farlo smettere, e lui cerca la maniera per continuare!

E in questa ossessione magari trascuri te stessa, i tuoi figli, il tuo lavoro, le tue responsabilità. Inoltre, spesso paradossalmente i tuoi sforzi hanno l’effetto opposto a quello che vorresti.

Continua a leggere

Donne che Amano Troppo

 

Foto di Sara Meloni (http://www.flickr.com/people/szarah/)

Quando confonde amore e sofferenza, una donna sta amando troppo. Quando accetta una relazione che lede la sua dignità e non la rende serena e felice, ma ciononostante non riesce a interromperla, sta amando troppo…

Sei stanca di amare troppo? Clicca QUI per un meraviglioso gruppo di sostegno! Da gennaio anche online…

Una donna ama troppo anche quando rimane con un compagno aggressivo e violento fisicamente o psicologicamente. E quando passa da un partner all’altro non con piacevole spensieratezza, ma perché le sembra quasi di non esistere se non ha un uomo, una donna sta, ancora una volta, amando troppo.

Come si vede, queste situazioni non hanno davvero niente a che fare con il vero amore, ma assomigliano più a una sorta di ossessione.
La definizione viene dall’ormai famosissimo libro Donne che amano troppo (in Italia edito da Feltrinelli) della psicoterapeuta americana Robin Norwood. L’autrice ha ben spiegato la dinamica malata che porta alcune donne a essere dipendenti da una relazione: è una dipendenza che assomiglia a quella per il cibo o per l’alcol, e che ha origine da una profonda sofferenza interiore.

Continua a leggere