Sondaggio in corso

Secondo te come cambia la sessualità dopo i 50 anni?

View Results

Loading ... Loading ...

Segnali di seduzione. Per lei e per lui

Foto di Cinzia Rizzo (www.flickr.com/photos/cinziarizzo/287217423/)

Foto di Cinzia Rizzo (www.flickr.com/photos/cinziarizzo/287217423/)

Quali sono i modi con cui donne e uomini si comunicano interesse?

Vediamoli con l’aiuto del dott. Franceso Padrini, psicoterapeuta bioenergetico

Lei

Molte donne emettono istintivamente tali segnali, quando notano un uomo attraente. Qualcuna, però, ne è più cosciente e li usa con maggiore disinvoltura, giocandoci anche un po’. Fondamentali sono misura e ritmo: l’esagerazione non è attraente. La seduttrice accorta si produce in un’alternanza di segnali di interesse e altri di lieve ritrosia.

- La postura in piedi. Lei raddrizza la schiena (e magari la inarca leggermente, facendo sporgere un po’ il sedere) e mette in evidenza il petto. Le gambe non sono rigide, spesso una è leggermente piegata, il modo che il bacino sia un po’ obliquo.

La postura da seduta. La schiena è sempre abbastanza diritta, in modo che il seno sia in evidenza. Le gambe giocano: alcune donne amano accavallarle da una parte e poi dall’altra (come nella famosa scena del film Basic Instinct, in cui tra l’altro la conturbante Sharon Stone non portava biancheria intima). L’intreccio delle gambe comunque non è mai rigido e stretto, ma morbido. Spesso, una mano accarezza noncurante le calze velate…
Talvolta lei gioca con la caviglia, sollevando un po’ verso l’alto la punta del piede.

Il sorriso. Può essere appena accennato e misterioso, oppure timido, o ancora aperto e gioioso. Alcune donne fanno balenare tra i denti la punta della lingua (ma è un’arte, meglio provare davanti allo specchio se non si è esperte, per evitare gli eccessi). Altre passano la lingua sulle labbra, o le mordono appena (con un movimento sensuale, ben diverso dal mordicchiamento dovuto al nervosismo). Altre volte, invece di sorridere, le labbra si sporgono in avanti, come se volessero baciare.

Gli occhi. Sono vivi, lucenti. Lo sguardo si fissa in quello di lui e indugia una frazione di secondo (non di più, altrimenti ha un effetto troppo invasivo). Poi viene distolto, in seguito magari torna di nuovo. Ognuna ha il suo stile: c’è chi lo fa con un filo di allegra sfrontatezza, chi con malizia, chi con timidezza.
Si è già nella fase del dialogo, e lui si è lanciato in un lungo discorso? La donna che vuole colpirlo lo ascolterà con gli occhi sgranati, interessati, ammirati.

I capelli. Lei li tocca con sensualità, li accarezza, li sistema, li scuote (con moderazione). Attenzione però: attorcigliare una ciocca intorno a un dito, se fatto nervosamente, tradisce ansia più che erotismo.

Il viso. E’ rilassato e vivace insieme. Può comunicare interesse oppure, per strategia, una distrazione svagata. Niente espressioni crucciate o annoiate. Spesso la testa è inclinata da un lato: lo sguardo risulta più seduttivo.

Le mani. Permettono gli “autocontatti”, che sono come dei suggerimenti al potenziale partner, gli fanno desiderare di essere lui ad accarezzare. Le dita sfiorano dolcemente il viso, si posano sulle labbra, o nella zona vicino agli occhi, o salgono a ravviare i capelli, a scostare una ciocca. Oppure accarezzano il corpo, lo lisciano. Gesticolano con eleganza e pathos, ma sempre morbidamente, senza scatti. Spesso accarezzano un oggetto: magari le dita seguono delicatamente i contorni della bottiglia o del bicchiere appoggiati sul tavolo. Oppure osano sfiorare lui, quasi per caso (magari allungando una mano nello stesso momento per prendere un bicchiere), o con un gesto di cura (come togliergli un bruscolino invisibile dalla giacca)

Il movimento. E’ importante. La postura del corpo varia spesso, con naturalezza. Lei può protendersi verso di lui, ridurre la distanza per creare intimità, poi magari indietreggiare di nuovo un po’, per creare un affetto alternato molto seducente.

La camminata. E’ un’arte. Il bacino ondeggia con quel movimento che si chiama “sculettamento” e che non deve essere forzato o esagerato, pena la volgarità. Ma se attuato con grazia, ha un effetto irresistibile.

Sei una donna, vivi a Milano o dintorni, e vuoi migliorare le tue relazioni?

Vieni alla Serata Gratuita di presentazione del mio gruppo “Ama Te Stessa! E Vivi Relazioni Felici!”.

1° ottobre 2014. Tutte le informazioni QUI

Lui

Il repertorio maschile è in qualche modo più misurato di quello femminile, ha meno fronzoli, si gioca sul magnetismo della presenza e sull’intensità degli sguardi e dei gesti. Per capire, pensate al tango: il bravo ballerino non fa mosse acrobatiche, ma si muove con tale sicurezza che permette alla donna che tiene tra le braccia di non pensare alla direzione della danza, e di concentrarsi, lei, sui virtuosismi. Un’altra immagine? Lei è la farfalla, lui il predatore.

La postura in piedi. Anche lui raddrizza la schiena, apre le spalle, mette in mostra i pettorali. La postura è solida, ben piantata per terra, non ci sono ondeggiamenti. A volte lui si appoggia (per esempio alla sua moto, alla macchina, al bancone di un bar) e da lì, fermo almeno per qualche minuto, manda segnali con gli occhi, e nello stesso tempo si offre gli sguardi.

La postura da seduto. La schiena è sempre diritta, le spalle aperte, le braccia tranquillamente appoggiate al tavolo o ai braccioli della poltrona. Le gambe sono allargate con naturalezza, oppure una caviglia è appoggiata sul ginocchio dell’altra gamba.

Lo sguardo. Ciascuno ha il proprio stile. Molti socchiudono gli occhi, utilizzano uno sguardo un po’ da predatore. A volte le occhiate sono più lunghe e penetranti di quelle di lei (sta a lui il ruolo del cacciatore): però senza esagerare, per non essere importuno. Altri preferiscono uno sguardo aperto, scanzonato, allegro, da bambino.

Le mani. Sono spesso in evidenza, non nervosamente nascoste. Hanno gesti calmi, morbidi, misurati. A volte aggiustano la cravatta (attenzione a non tradire nervosismo). Spesso una mano è appoggiata alla cintura: forse lui non lo sa, ma sta richiamando l’attenzione sulla zona del bacino (che può essere anche leggermente proteso in avanti). Quando il dialogo è iniziato, le mani di lui sfiorano casualmente la donna, sul braccio o sulla spalla. In seguito lui può osare qualcosa di più: il contatto è intenzionale, le prende una mano, le stringe leggermente l’avambraccio, le tocca la spalla.

Il movimento: essenziale che sia sicuro, elastico. Lui tenta di avvicinarsi, riduce la distanza, si protende verso di lei, magari per sussurrarle qualcosa all’orecchio. A volte può sfiorarla come per caso…

I muscoli. Se sono tonici, lui li mette in mostra appena l’occasione lo consente. Magari con il movimento: sulla spiaggia, giocherà volentieri a pallavolo con gli amici, o si esibirà in tuffi e nuotate vigorose. All’imbrunire, anche se fa un po’ freddo lui magari metterà i pantaloni, e resterà ancora un po’ a torso nudo…

(articolo apparso su Psychologies Italia)

 

137 comments to Segnali di seduzione. Per lei e per lui

  • Emma

    Ciao Agatha! Rimango della mia idea: mi sembra interessato, ma ti consiglierei in ogni caso di essere prudente. Un abbraccio grandissimo, a presto :-)

  • Sergio

    Cara Emma…con la lettera che le ho scritto…come ti dissi…le cose sono migliorate con questa fascinosa dirigente…ultimamente l’ho sorpresa anche un omaggio gastronomico…è venuta anche a dirmi che abitiamo nello stesso luogo…mi ha detto dove stava lei e voleva sapere la mia zona…però l’ha fatto in presenza di altri colleghi…ma lei stava sempre in piedi accanto a me…dove lavoravo seduto…poi quando una collega mi ha detto che sono anche di natura un gentiluomo…lei mi ha guardato facendo uno sguardo che aveva quasi del diabolico e sembrare quasi esprimere per metà una forma di possesso dicendo solamente “benissimo”…premetto che stiamo sempre parlando di una carismatica e splendida donna del toro…infatti rammento un particolare dove le consigliavo dei colleghi maschi per farmi da tutor in un’attività lavorativa che ho poi passato…rammento lei disse di un collega : “ma lui non è mio”…sempre nello stesso giorno che è venuta da me per dirmi che abitavamo vicini…passava spesso per controllare i colleghi e ricominciava a guardarmi…mantenendo lo sguardo e facendo io altrettanto…quando è andata via per salutarmi m’ha fatto presente il giorno in cui ci saremmo rivisti sul lavoro…temo sia anche impegnata…il problema è che la notte scorsa ho fatto un sogno strano che la riguarda…ci toccavamo le mani…era proprio lei..

  • Emma

    Caro Sergio, mi sembra che tutto vada per il meglio. Ricordati che, anche se lei è la tua dirigente, l’uomo sei tu, e sta a te proporti, anche se con misura, tatto e prudenza, almeno sinché non appuri se è impegnata o no… Ma lasciale sempre la possibilità di tirarsi indietro con disinvoltura e in leggerezza, così da non crearti problemi sul lavoro! :-)

  • Sergio

    Grazie come sempre dei tuoi magnifici consigli…in effetti alcune colleghe simpaticamente forse mi punzecchiano…perché forse vedono una mia esitazione eclatante nei suoi confronti…ma come hai giustamente affermato te nella tua risposta…ci vado piano e con molta attenzione…un po perchè non vorrei rovinare una splendida intesa che potrebbe cominciare seriamente a nascere…un po perché vorrei essere davvero sicuro delle sue intenzioni nei miei confronti…probabilmente anche lei avrà i miei stessi dubbi…sul lavoro per molte donne sono un tipo talvolta enigmatico ed imprevedibile negli atteggiamenti e modo di porsi…eppoi vorrei essere sicuro che non sia impegnata…perché rispetto profondamente chi è legato sinceramente e con Amore ad un altro essere umano…sicuramente…nei prossimi giorni…con misura e a piccoli passi…cercherò di sorprenderla come il più delle volte riesco a fare con l’universo femminile…mettendo in campo non solo la mia proverbiale sensibilità di uomo del cancro…ma anche una determinazione che proviene sempre spontanea dal cuore…stavo pensando anche d’inviarle tramite mail una delle mie poesie…per vedere quale reazione può suscitare in lei…altre donne che le hanno lette dicono che colpiscono al cuore e fanno riflettere…un dono che non sapevo di avere e non voglio sprecare in vita…e come dici te…mi darò da fare come uomo…forse vorrebbe che in futuro facessi io qualche passo…potrebbe essere…con la consapevolezza che…comunque vadano le cose…cercherò sempre di rispettarla e di prendere le giuste distanze all’occorrenza…se son rose fioriranno…altrimenti potrebbe nascere una profonda e sincera amicizia..e chissà un domani cosa potrebbe succedere…dipende anche da me…non solo da lei..un caro e sentito saluto

  • erry

    ciao emma, é la prima volta che ti scrivo ti faccio i complimenti per il tempo che decichi alle persone innamorate…allora torniamo a noi, io ho 30anni sono sposato e una bambina lei 36anni fidanzata premetto che lei sa che sono cotto e ti dico che piu volte mi ha detto di finirla perche stava perdendo la pazienza, ovviamente io non mollo perche mi piace da morire oltre fisicamente ma anche come ragiona mi fa impazzire, ti racconto qualche episodio ,ad una cena tra colleghi io furbamente mi siedo vicino a lei e li comincio a faere un po du kino braccio,spalla togliere una ciglia dal viso spostare i capelli che gli sfioravano le labbra e li devo dire la verità no gli data fastidio anzi ricambiata pure come toccarog laicobb per prendere attenzione nel dialogo. La cosa che no capisco e perché se in abbellero con sms e mail lei si tira in dietro

  • Emma

    Facile capire perché si tiri indietro: tu sei sposato, lei impegnata. Saggiamente, anche se magari le piaci, anche se magari si diverte a flirtare, non vuole andare avanti, e te l’ha detto chiaramente. Mi dispiace, ma mi sembra che tu ti debba rassegnare. Puoi però continuare a flirtare, è così divertente!:-)

  • erry

    non ci riesco a rassegnarmi mi piace da morire, dammi qualche dritta per sedurla, continuare a flit.porta a cosa?

  • Marco

    ciao Emma, mi sono avvicinato al mondo della cinesica da poco per cui non riesco a cogliere immediatamente i movimenti involontari ma questo blog è stato illuminante e vorrei delle delucidazioni perchè mi ritrovo in una situazione del tutto nuova per me.

    ho 29 anni e la donna in questione ne ha 42. la nostra frequentazione è iniziata su fb per poi dopo molto tempo tra battute ecc abbiamo deciso di scambiarci il numero di cell che usiamo regolarmente durante la giornata per sms ecc oltre al socialnetwork dove è sempre presente. Ci siamo visti una prima volta per un caffè durante una pausa in cui abbiamo parlato in maniera molto amichevole anche perchè c’era un pò di imbarazzo da parte di entrambi.

    oggi l’ho rivista per la seconda volta a distanza di tempo. nel frattempo i rapporti si sono fatti sempre + stretti. durante la serata non sono mancati momenti in cui eravamo entrambi con il busto diretto verso l’altra persona continuando a parlare e guardandoci negli occhi. lei alternava momenti in cui accavallava le gambe a momenti in cui appoggiava la schiena sulla poltrona in maniera molto comoda e rilassata.

    di tanto in tanto accarezzava la base del calice di vino con le dita e si accarezzava la spalla il braccio o il seno in maniera del tutto spontanea o involontaria

    a mio parere, tutti segnali positivi che mi fanno ben sperare per il prossimo appuntamento anche se probabilmente passerà qualche mese visto che nn è molto predisposta ad impegnarsi nè tantomeno ad avere intorno persone appiccicose e invadenti. dal mio canto ho lasciato che la conversazione proseguisse in maniera distesa, senza fare nessun passo se non avvicinarmi a lei durante la conversazione.

    l’ho trovata molto interessata anche se, quando le scrivo qualcosa di piacevole per sms o tra i commenti mi risponde sempre picche, del tipo .. lascia stà… ti devo cancellare? tornato a casa leggo la sua risposta a un commento di un tizio, venuto a conoscenza del nostro incontro, che asseriva che sapeva eravamo una coppia perfetta e lei ha risposto ma cosa dici che potrebbe essere mio figlio… il chè mi confonde le idee..

    sono consapevole che non è molto predisposta a storie con uomini + giovani e parte prevenuta riguardo agli uomini perchè vogliono solo una cosa, cosa che da parte mia oltre all’attrazione fisica c’è un coinvolgimento celebrale che le ho già confessato ma le ho fornito un altro pretesto per fornirmi il picche…

    al momento considerando che ho difronte una donna disillusa, probabilmente ne ha passate di ogni…sto mantenendo un flirt presente ma non invadente.

    ho dato una corretta interpretazione ai segnali sul movimento del corpo? e se si, come potrei approcciarla in modo che le cose possano andare per il verso giusto? (nn chiedo un tuo consiglio sono a conoscenza delle regole del blog, bensì una tua opinione circa la situazione descritta essendo anche tu una donna)

    mi scuso se sono stato prolisso ma ho preferito fornirti dettagli utili per un tuo parere da esperta. ti ringrazio e complimenti per l’ottimo lavoro del blog ;)

  • Emma

    Caro Marco, la situazione, per quanto possa capirla da cui qui, mi sembra abbastanza chiara: lei sta bene con te, si rilassa, si diverte, probabilmente le piaci anche, però non ha intenzione di andare oltre, non so se per la differenza di età o per altri motivi. Per quanto possa non amare gli uomini invadenti, una donna non lascia passare mesi prima di un secondo incontro con un uomo, se è interessata! Tuttavia, probabilmente le piace flirtare con te, semplisemente, senza pensare di andare oltre. Puoi capovolgere questa situazione? Tutto è possibile. La mia impressione, però, è che tu debba ancora conquistarla. E potrebbe non essere semplice, proprio a causa della differenza d’età. Fai anche tu un po’ un esame di coscienza: non sarebbe certo carino impegnarti a sedurla, convincerla, per poi magari cambiare idea dopo un anno o die, non credi? :-)

  • Marco

    grazie del tuo punto di vista, anche io ero arrivato ad una conclusione simile del tipo le piaccio ma c’è ancora molta strada da fare perchè diventi qualcosa di più. ci ho riflettuto parecchio, e devo dire che non è uno sfizio, è qualcosa di più e c’è un reale interesse – se le cose dovessero andare in porto – a fare un discorso costruttivo indipendentemente dalla differenza d’età e dalle problematiche che possono nascere a seguito che ritengo essere nulla di insuperabile se c’è una disponibilità da ambo le parti.

    ti ringrazio per la celerità nella risposta e continuerò a seguire i tuoi post. complimenti ancora per il blog e magari (spero) potrò ringraziarti perchè è andato tutto per il verso giusto

  • alessio

    ciao Emma, io sono Alessio
    Sono capitato nel tuo sito un po per caso un po per gioco, alla ricerca del significato nascosto del saluto… bacini.
    ma poi mi sono detto .. meglio lo scopro giocando direttamente .
    perche’ ti ho scritto?
    perche mi sei piaciuta nelle risposte !!
    Buon lavoro!

  • alessio

    grazie per il tuo tempo

  • Emma

    Lo spero anche io! :-)

  • Emma

    Grazie Alessio! :-)

  • Pippo Baudo e cappelone

    Ciao! ma una domanda, quando la donna si prepara e va al parruchiere, per farsi i capelli, è un segno di seduzione.

  • Emma

    Chi può dirlo… Può essere che si faccia bella per l’uomo con cui ha appuntamento, e può essere che si faccia bella per se stessa!:-)

  • Nicole

    Buonasera. Da un mesetto circa un uomo mi manda alcuni messaggi durante il giorno, ma ciò che più mi ha colpita è che di solito mi chiama tutte le sere. È evidente che gli sono simpatica ma non rirsco ad essere sicura delle sue intenzioni. A volte sembra così distaccato quando parla. Mi parla del suo lavoro,anche dei problemi. Un paio di volte scherzando mi ha dato una pacca sulla gamba. Parlando mi accorgo che mi guarda attentamente al punto che a distanza di giorni sa cosa indossavo. Ciò che mi manda in tilt è che quando siamo soli non si avvicinarsi. Una sera siamo andati a bere un aperitivo e quando mi ha riaccompagnata a casa abbiamo cominciato a prenderci un po in giro e lui non andava più via ma continuava a tornare indietro coon l‘auto

  • Nicole

    Buonasera. Ho conosciuto un uomo che mi chiama tutte le sere. Si capisce che è interessato ma non riesco ancora a decifrarlo. Quando siamo al bar mi accorgo che mi guarda, ma quando siamo soli ci prendiamo in giro. Una volta mi ha dato una pacca su una gamba. Un giorno ha lavorato fino a tardi allora non mi ha chiamata ma comunque ha inviato un sms per sapere cosa avessi mangiato a pranzo perché sapeva che mi bruciava lo stomaco. Mi piace molto e gliel’ ho fatto sapere…al telefono ci vergognamo di meno, ma quando siamo uno di fronte all’ altro mi dà l‘impressione che ci blocchiamo. Una sera mi ha portata a bere un aperitivo e quando mi ha riportata a casa non se ne andava più…scherzavamo e continuava a tornare indietro con l‘auto. Mi ha dato l‘impressione si aspettasse un bacio, io invece gli ho accarezzato i capelli. Che splendida sensazione però :-) Non so cosa pensare. Solo amicizia?

  • Marco

    ciao Emma, come promesso ti avrei aggiornato sugli eventuali sviluppi sulla mia storia precedentemente descritta riguardo la differenza d’età. colto il momento opportuno (o quasi), mi sono esposto in maniera gentile e non invadente, facendole capire che per me era diventata una persona importante e che, da parte mia, c’era tutto l’interesse a continuare. Lei, dal suo canto, ha confermato la tua idea, che la differenza d’età sarebbe stato un problema, infatti mi ha esortato a frequentare persone + consone alla mia età,perchè la mia a suo modo di vedere le cose era solo un interesse che sarebbe svanito nel breve periodo. per lei si tratta di una simpatia, sono una persona interessante, e per quanto io possa reputarla una persona decisamente superiore alle righe sia mentalmente che fisicamente si tratta sempre di un’anziana(come si è definita lei). specificando che, se le cose fossero proseguite andando oltre la semplice simpatia da parte mia, taglierebbe tutti i rapporti con me. Ha detto inoltre che, per il mio bene, eviterà di dedicarmi link pensieri ecc su fb perchè è chiaro che se senti una persona tutti i giorni va a finire che ti ci affezioni e ti fai castelli in aria, per cui preferisce mantenere le distanze… cosa che in realtà non è avvenuta da parte sua perchè tempo mezza giornata ed era di nuovo sul pezzo a scrivermi, commentare, stuzzicarmi ecc… la cosa che ho notato è che forse ha iniziato a trattarmi male, cercando in qualche modo di smontarmi … per il momento, io ho smesso di essere presente sulla sua bacheca e di cercarla al cell, mi limito a rispondere ai suoi commenti sulla mia bacheca, non sò quanto questo possa essere positivo ma non vorrei essere invadente e appiccicoso. Arrivati a questo punto, non so più come comportarmi per conquistarla, mi sto limitando a rispondere ai commenti, ma non credo che questo porti da qualche parte.

    Ti confesso che a parte il rimanerci male per il picche prevedibile, sto male perchè temo di aver inclinato i rapporti definitivamente e quel feeling mentale che si era instaurato e non so più come poter capovolgere la situazione visto che è stata abbastanza chiara e coerente

  • Emma

    Cara Nicole,
    naturalmente io non posso dirlo da qui, ma da quello che racconti sembra proprio che tu gli piaccia! Ma dov’è il problema? Sai, anche gli uomini timidi prima o poi prendono il coraggio a due mani e, se vogliono baciare una donna, lo fanno. Però magari ci mettono un bel po’ di tempo…
    La via che hai scelto, cioè di sorridergli dolcemente e di fare qualche gesto tenero tipo carezzargli i capelli, mi sembra ottima. Secondo me, tra pochissimo mi riscriverai (e mi farà piacere) per raccontarmi che la vostra storia è iniziata. In bocca al lupo!

  • Emma

    Ciao Marco, non direi che lei sia stata troppo coerente, visto che ha ripreso subito a scriverti. È evidente che tu le piaci, ma è anche evidente che almeno per il momento ha deciso di non avere una storia con te. Non credo però che tu abbia incrinato i rapporti definitivamente: se c’era feeling mentale potrete ritrovarlo sicuramente, tutto sta capire se su un piano di amicizia o di altro.
    Cambierà idea? Non lo so, forse, e io non posso certo consigliati mosse che dovranno essere improntate al rispetto e nello stesso tempo alla fantasia. Continuo a chiedermi-e a chiederti-e sicuramente anche lei si chiede-se cambiare idea in questa situazione possa essere una cosa buona per tutti. Magari domani, chissà… La vita è imprevedibile. Ti auguro ogni bene

  • Sergio

    ciao Emma,
    ho seguito il consiglio di divenire meno strategico e più propositivo…ed anche di dare libero sfogo ancora di più alla mia spontaneità espressiva…lessicale e non verbale sul lavoro…le cose con la dirigente migliorano…diciamo che stanno crescendo di spessore…poi bisognerà vedere dove arrivano…ogni tanto alterna momenti di fuga ad avvicinamenti che credo forse comincino a sconfinare di più…capto anche degli sguardi non sempre sorridenti…spesso molto brevi ma diversi rispetto all’origine…ed ho avuto anche l’impressione di un suo sguardo verso la mia bocca e il mio corpo di recente…parla poco con me…più con le colleghe attorno a me…ma talvolta lo sguardo…se visto da una diversa angolazione…diviene indicativo…una cosa di lei che m’è rimasta impressa…l’ha fatto ben due volte quando l’ho salutata in piedi…lei era seduta…per ben 2 volte prima di cominciare a sorridermi normalmente e salutarmi…ho notato che strizzava dapprincipio gli occhi per guardarmi come per effetto di un’accomodazione od inquadramento appena s’è accorta di me…forse è nulla…ma si sai dire cosa significa?

  • Emma

    Ciao Sergio, mi fa piacere che le tue cose procedano bene. Però io non ti dirò altro: a questo punto è la tua sensibilità maschile che può interpretare i segnali di lei, non certo io a distanza, senza conoscerla neppure! Ti auguro tanta fortuna, e sono certa che l’avrai…

  • Sergio

    Ciao Emma, hai perfettamente ragione. Ora spetta a me fare quel passo decisivo che può essere decisivo. Alla fine della fiera ho sempre affrontato con coraggio ogni situazione della vita, anche particolare. Ed è arrivato il momento che la mia sensibilità interiore mi detti cosa devo fare, senza esitazione. Grazie ancora e di cuore per avermi saputo ascoltare e, indirettamente, indirizzarmi verso la cosa giusta da fare. La più naturale, semplice e spontanea delle cose in vita. Un abbraccio

  • fm

    buonasera! come tanti avrei bisogno di un parere da lei..spero possa aiutarmi.
    sono una ragazza di 18 anni e nel palazzo dove lavoro lavora anche un uomo che mi piace tanto e da molto tempo.
    purtroppp c è una differenza di età non indifferente,circa 25 anni.
    lui non mi aiuta,nel senso che mi osserva per lunghi momenti,cerca di parlarmi sempre e di conoscere la mia vita privata,mi provoca ,una volta mi haudietro come per farmi sentire la sua presenza e ieri mi ha sfiorato la mano per non parlare del fatto che mi saluta sempre per primo…non so che pensare…so solo che mi piace da diverso tempo e che lui nonostante ci conoscessimo da quando ero molto piccola ora sembra interessato e consapevole del fatto che sono cresciuta.la ringrazio della sua pazienza nel leggere e rispondere

  • Emma

    Cara Federica, cerco di non dare consigli, piuttosto spunti di riflessione. Direi che la differnza d’età è tanta… Val la pena che tu ti chieda seriamente se sarebbe una buona cosa per te. In ogni caso, un uomo tanto più grande saprà gestire lui la situazione, non credi? Se non si fa avanti, è perché è frenato da qualcosa. Incoraggiarlo e “aiutarlo” non mi sembra una grande idea: rischi che lui ti veda come una “tentazione”. Invece dovrebbe almeno vederti come una scelta, darsi da fare per conquistarti e rassicurarti sulle sue intenzioni. Abbi cura di te, con intelligenza! E ripetiti che ti meriti un uomo che si impegni a farti felice, qualunque sia la sua età! :)

  • libera70

    Buonasera Emma, da un po’ di tempo si è creata una situazione particolare al lavoro con un collega(ci occupiamo di cose diverse ma le postazioni sono vicine – è un open space). Lui è un funzionario (ma non è il mio capo diretto) e almeno fino all’estate scorsa non abbiamo quasi mai interagito (se non in ambito lavorativo). Tutto a un tratto un bel pomeriggio si avvicina con una scusa qualunque e mi accarezza la testa .. io sono una persona piuttosto introversa, e quindi questa cosa mi ha sorpreso… lui è un tipo comunicativo ma sempre moooolto tranquillo e professionale … per diverso tempo non ci ho pensato più .. per un po’ di giorni nulla ma poi mi invita per un caffe’ alle 18.00 di sera quando in ufficio non c’era più quasi nessuno … dopo qualche giorno mi chiede dove abito e si offre di accompagnarmi a casa con la sua macchina. In macchina mi parla di una cosa estremamente personale ed importante, e io che dopotutto sono un’estranea mi sono limitata ad ascoltare … mentre esco dall’auto mi accarezza una mano …il giorno seguente tutto come se non fosse successo niente. solo occhiate più prolungate e sorrisi più caldi ..fino a poco fa solo lunghi sguardi e sorrisi… ora sono incerta perché non so cosa fare …
    a dire il vero non è nemmeno il mio tipo fisico (troppo mingherlino e non tanto alto). Mi ha accompagnato a casa altre volte ed abbiamo parlato del natale, della sua famiglia e l’unica cosa che mi è sembrata strana è che mi ha detto che mi aveva capito e che eravamo simili perché in realtà siamo diversi da quello che facciamo apparire (?!). A parte ciò … si è sempre comportato più che correttamente, almeno fino alla vigilia di Natale, quando mi ha baciato due volte agli angoli della bocca ma siccome eravamo in ufficio e ci potevano vedere non sono nemmeno riuscita ad accennare una qualunque reazione. Sono solo rimasta impietrita. Il bacio non lo so con certezza perchè me l’ha dato (si può baciare così per riconoscenza?), in ogni modo sono molto arrabbiata perché non sono un oggetto e ho diritto al rispetto.
    Sono passate le ferie e fino ad ora non abbiamo più parlato di quello che è successo, i rapporti sono cordiali e ci salutiamo e sorridiamo spesso ma niente di più. Aspetto che sia lui a farsi di nuovo avanti? Non mi va di chiedere spiegazioni anche se mi sarei aspettata almeno gli auguri per il nuovo anno (che gli ho fatto io al rientro, con un bell’abbraccio ricambiato ma niente di più).
    Siamo entrambi sposati sulla 40ina.
    Mi interesserebbe il suo parere perché io di questa persona mi fidavo e lavorativamente mi ha motivato ed incoraggiato in un periodo in cui non stavo bene (questo non gliel’ho mai detto perché non voglio mescolare amicizia e professione) Lui mi piace ma se non mi da la possibilità di ricambiare non lo saprò mai con certezza! Non voglio pensare che sia un sadico! Grazie

  • Emma

    Ciao, grazie della lunga condivisione. Mi sembra che lui sia interessato, le sue attenzioni però sono fluttuanti probabilmente perché siete entrambi sposati. Non ne sono certa, non lo posso sicuramente dire dalla bacheca di un blog. Spesso però le persone sottovalutano quanto il fatto di non essere liberi freni e condizioni le mosse dell’interlocutore. Non voglio fare del moralismo, ma ti sei interrogata in merito? Pensi che per te sarebbe una buona cosa? Io naturalmente non conosco la tua situazione, e mi guardo bene dal giudicare o dal consogliarti alcunché. Tieni solo presente che le sue fluttuazioni possono essere dovute a questo. Un abbraccio grande

  • libera70

    Ciao Emma,
    la tua risposta mi ha fatto riflettere molto, davvero, tuttavia avevo proprio bisogno di riparlare con lui di quello che è successo e così ho fatto, ieri sera ho accettato un passaggio fino a casa e sono tornata sull’argomento, e con chiarezza gli ho detto quello che mi tormentava (avevo male interpretato oppure c’era una simpatia speciale?). Prima mi ha chiesto scusa se si era spinto troppo oltre ma questa risposta non mi andava bene (non era quello che avevo chiesto), così piano piano e con molto imbarazzo è saltato fuori che ci piacciamo e che sarebbe bello conoscerci meglio. Ci siamo tenuti un po’ per mano ma niente di più per adesso, Ora si ritorna alla domanda principale, cosa voglio davvero ? Questa persona è davvero rispettosa, mi ci trovo bene insieme e oltretutto sento qualcosa di speciale pure pelle a pelle. Sono contenta di aver chiarito, però che fatica superare la timidezza di tutti e due … Grazie ancora per il sostegno!

  • Anna

    Ciao Emma,
    da qualche tempo con un autista che incontro spesso sulla tratta che devo prendere per andare al lavoro si è instaurato un bel rapporto: dal lei siamo passati al tu e spesso chiacchieriamo in modo piacevole. Nel tempo è stato lui a trovare sempre scuse per chiacchierare, a chiedermi come va se non ci vediamo da un po’ di tempo, incrocia spesso lo sguardo cercandomi attraverso lo specchietto retrovisore, sorridendomi. Chiaramente i nostri incontri sono casuali, dipende dai suoi turni e dai miei, al momento è tutto quindi legato al caso. Lui è un po’ più grande di me, mi ha raccontato di avere una figlia grande ma non ha accennato ad altri tipi di rapporti e parla sempre al singolare. Lui mi interessa ma non capisco se questi sono segnali di interesse, semplice cordialità o seduzione fine a sè stessa. Lo so gli elementi che ti ho raccontato sono un po’ pochi ma tu che ne pensi? :) p.s. complimenti per le risposte sempre equilibrate e puntuali!

  • Emma

    Ciao Anna, grazie per i tuoi complimenti!:) Da quello che mi racconti lui sembra senz’altro interessato. Chiaro che, dalla bacheca di un blog, non posso sapere se si tratti di seduzione fine a se stessa oppure di reale interesse. Lui ti sembra un “piacione”, e scherza anche con altre? I suoi sorrisi sono più dolci o più furbetti? Quando chiacchierate, hai la sensazione di un genuino interesse per la tua persona, o più di un suo piacere per le battute? Queste domande sono solo spunti di riflessione,: sta alle tue “antenne” capire…

  • Nico

    Ciao Emma,
    vorrei chiederti quale significato ha quello di premere la lingua contro l’interno delle guance e contemporaneamente accarezzarsi con la mano destra l’interno del braccio sinistro.
    L’ha fatto una ragazza mentre se ne andava dopo avermi guardato.
    Grazie

  • Emma

    Potrebbe essere un segnale d’interesse… Ma a questo punto, caro Nico, lo avrai già scoperto da solo! Scusa il ritardo della risposta, ero in vacanza!

  • Marco

    Salve,
    è da tempo che sto cercando di studiare i comportamenti, intesi come mimica, segni posturali di una ragazza che mi piace…in particolare
    in una foto, scattata recentemente, mi sorto un grande dubbio riguardo la sua posizione.
    Classico abbraccio da foto, il mio braccio sinistro la cinge da un fianco, non troppo duro. Lei appoggiata su di me su di un fianco, col relativo braccio destro sulla schiena, ma
    la cosa strana è la posizione della sua mano sinistra che è poggiata sul mio petto ma non dalla parte del palmo bensì del dorso…Non capisco cosa voglia dire o per lo meno non voglio tradurci significati sbagliati..Mi aiuti..

  • Emma

    Aiutarla, senza vedere la foto? Impossibile!E poi… Non darei troppo importanza a una singola posizione. Potrebbe segnalare un desiderio di presa di distanza dovuta a un pensiero passeggero. Se invece spesso nota che la ragazza ha una postura di evitamento di contatto… Allora ha già da solo la risposta! Ma le auguro il contrario :)

  • Antonio

    Ciao Emma,ti scrivo perche’ e’ un periodo non bello con mia moglie: a parte diversi uomini che le ‘girano’ intorno ieri sera a cena solo noi due mi guarda e parla ma a volte il suo sguardo si rivolge ad un tavolo dietro di me con uomini e donne e quando siamo andati via ho notato uno di questi che mi guardava me e poi mia moglie. COme devo interpretare la situazione?
    Grazie.

    Antonio.

  • Emma

    Ciao Antonio, certo il segnale non è incoraggiante, ma…la risposta può dartela solo tua moglie! Una bella chiacchierata a cuore aperto con lei? Senza accusarla, ma chiedendo completa chiarezza e rassicurazione. In bocca al lupo, ti auguro che tutto si risolva per il meglio!

Leave a Reply

  

  

  

You can use these HTML tags

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>