Psico-Guida Ai Saldi Di Fine Stagione

Foto di Bill Gracey

Foto di Bill Gracey

Come vivi i saldi? Anche persone intelligentissime spesso perdono ogni raziocinio di fronte a un cartello con la magica scritta: 50% di sconto…

Appartieni anche tu a questa categoria? Allora puoi trovarti a rigirare tra le mani capi che non avresti degnato di uno sguardo se fossero stati a prezzo pieno, mormorando: “Però è in saldo…”

E allora perdoni il fatto che sia un capo che non ti serve veramente, che il colore non sia perfetto, che abbia un piccolo difetto. E ti riempi l’armadio di cose che non ti convincono: spendi soldi e crei confusione. Che senso ha?

I veri affari sono le cose che metti moltissime volte con piacere. Se paghi un capo solo 20 euro, e non lo indossi mai, o lo fai ma ti senti infelice, è una perdita.

Se lo paghi cinque volte tanto ma lo sfrutti a fondo, per anni, hai speso bene.

Vuol dire che non devi degnare i saldi di attenzione? No. Ma prima di comprare qualcosa, chiediti se la acquisteresti lo stesso se il prezzo non fosse scontato. Se la risposta è NO, lascia il capo dov’è!

Cosa NON comprare

– Una cosa che costa poco ma non ti piace, solo perché hai fatto tirare giù il negozio alla commessa e ti vergogni ad andare via a mani vuote (la commessa riceve uno stipendio per il suo lavoro. Scusati con un sorriso gentile e ringraziala, ma non accettare di farti condizionare dalle sue pressioni).

– Il vestito bellissimo che sarebbe perfetto se non tirasse appena un po’ sul seno. Però pensi di coprire il difetto con una sciarpina… (I tuoi vestiti devono funzionare bene, darti sicurezza, permetterti di coprirti e scopriti senza pensarci).

– Il maglione che non ti convince troppo: pensi che, se non lo metterai, potrai sempre darlo a tua sorella (concentrati sui tuoi vestiti, e lascia che tua sorella scelga per sé).

– Un vestito fantastico ma in un colore che non è esattamente il tuo. Però progetti di farlo tingere in tintoria (sai benissimo come andrà a finire… un colore improbabile!)

– Il maglione che ti fa apparire pallida: ti riproponi di mettere più fard (non devi essere costretta dall’abito a cambiare il tuo trucco)

– Un top tutto sbrilluccichi che non sai quando mettere, ma pensi che sia uno stimolo per crearti nuove occasioni (non devi adattare il tuo stile di vita al vestito, ma viceversa)

– Un vestito a cui devi far fare numerose modifiche ( l’investimento in tempo, denaro, energia, varrà il risultato incerto?)

– Gonna, pantaloni e giacca che non sai come completare (rischiano di rimanere tutta la stagione nell’armadio…)

– Dei pantaloni da abbinare a un maglione “sbagliato” che hai comprato in precedenza (gli errori tendono a chiamare altri errori. Lascia perdere il maglione sbagliato, starebbe male anche con i pantaloni nuovi)

– Un capo che serve a completarne uno che ne hai nell’armadio (fallo solo se hai con te il pezzo spaiato. Altrimenti potresti scoprire a casa che l’idea non funziona).

Questa lista nasce (anche) dalla mia esperienza… E tu, hai mai fatto uno di questi errori?

4 thoughts on “Psico-Guida Ai Saldi Di Fine Stagione

  1. Ciao Emma, buon anno!
    Interessante questo post, molto “azzeccato!”.
    Non appartengo alla categoria abbagliata dal 50% di sconto
    Il guaio è che in passato, ho fatto questi errori… sul prezzo intero!
    Fortunatamente, nella vita, si migliora e certi errori, rivisti a distanza di tempo, ci strappano un sorriso.
    Marju

  2. E’ vero, si migliora… E si può scrivere degli errori del passato! Buon anno a te cara Marju, e alle tue lettrici!

  3. grazie! hai mai sentito parlare di Debitori Anonimi? O di Spenders Anonimi? Sempre 12 passi e self-help. Si trova anche una mailing list su yahoo (acquirenti_edbitori). Mi e’ venuta in mente leggendo i tuoi azzeccatissimi consigli.. dopo aver comprato in effetti dei saldi non necessari (certo, utili,tuta da casa, pigiama… ma a cui non avrei pensato a prezzo pieno). Risultato> contenta di averli, ma in fondo con un po’ di senso di colpa perche’ non previsti e sicuramente acquistati per ‘riempire’ altri vuoti e non quelli dell’armadio.
    Terro’ presente il tuo sito. Ciao.

  4. Grazie! Non esagerare con i sensi di colpa, entro certi limiti sono errori che faccciamo tutti… 🙂 ! Ciao, ti aspetto ancora da queste parti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *