Le donne e la seduzione

d come donna. Sara Meloni (http://www.flickr.com/people/szarah/)
foto di Sara Meloni (http://www.flickr.com/people/szarah/)

Le vere seduttrici non sono le donne fatali, o quelle ossessionate della conquista a tutti i costi, ma le persone che manifestano se stesse in modo tanto autentico, e insieme piacevole e accattivante, da colpire chi sta loro accanto.

Molte donne hanno paura della propria seduttività. Questo è un dato comune quando si è adolescenti: allora si cammina con le spalle curve per nascondere il seno, si sceglie un abbigliamento unisex per non sottolineare le forme, si adottano comportamenti camerateschi o mascolini.

Ma il discorso è valido anche per molte donne adulte. Proviamo a fare anche noi “grandi” un esame di coscienza: ci è mai accaduto, prima di una festa o di una cena, di scegliere fra due abiti quello più anonimo perché il più bello ci dava la sensazione di “osare troppo”? Sappiamo quali sono i punti di forza del nostro corpo? Siamo capaci di rispondere ai complimenti con un sorriso felice, senza timidezza e soprattutto senza schermirci?

Abbiamo il coraggio di metterci a ballare, in una casa o per la strada, se sentiamo una musica bellissima che ci entra nel sangue, o ci tratteniamo per vergogna? Se abbiamo una bella voce, abbiamo mai cantato per il nostro uomo o per gli amici? Se abbiamo una certa cultura, l’abbiamo mai usata per sedurre (per esempio inviando al nostro amore una poesia meravigliosa di un autore poco conosciuto?).

Se siamo sincere, riconosceremo che la maggior parte di noi non sfrutta appieno tutte le sue potenzialità seduttive. Ma se qualcuno venisse a chiederci perché non lo facciamo, probabilmente non sapremmo cosa rispondere, se non che quel tal vestito, trucco, comportamento, non ci fanno stare a nostro agio. Ci sembrano “troppo”.

Questa accade perché, nella nostra mente, “seduttività” è sinonimo di “sfrenata voglia di sessualità”. Questo ci dicevano i messaggi dei nostri genitori (“Non vorrai uscire con quel vestito?” “Non camminare sculettando” ecc.), questo ribadiva il condizionamento di un certo cattolicesimo, che nelle sue forme più retrive temeva il sesso e quindi tutto ciò che ad esso poteva portare, questo ripetono i media: seduttività uguale scoperto invito sessuale. Una donna curata, scollata, in minigonna per il linguaggio dei media è disponibile al sesso. Punto e basta, senza sfumature.

Allora appare del tutto logico che molte donne abbiamo timore della propria seduttività. Non sono sempre pronte a tanti, e tanto espliciti inviti sessuali: magari perché hanno già un compagno, o per prudenza, o perché la persona che hanno davanti in quel momento non interessa loro.

Ma in realtà tale equazione (seduttività uguale invito sessuale) è estremamente riduttiva. La seduttività non è un’esperienza saltuaria nella vita sentimentale dell’individuo, ma è una costante dell’esistenza e rappresenta una parte importante dell’entrare in contatto con il mondo. Le donne (ma per gli uomini il discorso non è diverso) possono essere seduttive in ogni azione: quando contagiano chi sta loro accanto con una risata, quando cucinano un piatto meraviglioso, quando fanno bello il proprio salotto, quando valorizzano il corpo, quando dimostrano intelligenza; insomma quando vivono, lavorano, giocano, amano: la seduttività è qualcosa di molto più ampio che un mero invito alla sessualità.

(Articolo apparso su Lifegate, www.lifegate.it)

3 thoughts on “Le donne e la seduzione

  1. io non mi sono mai innamorato ,al contrario molte donne si sono innamorate di me,ovviamente non ho contracambiato.SECONDO LEI E’ NORMALE

  2. Ciao, scusa il ritardo della risposta, ero in vacanza. Qui sul blog tendiamo a darci del tu, spero che non sia un problema… 🙂 Non mi dici quanti anni hai… Se sei giovane, è normalissimo! Se sei un uomo fatto, non è che sia “anormale”, potrebbe far parte del tuo percorso di vita, magari ti innamorerai follemente tutt’a un tratto… Però potrebbe essere che una parte di te sia stata ferita e spaventata, magari da cose avvenute nella tua infanzia, e si blocchi di fronte alla possibilità di provare dei sentimneti. In questo caso ti perderesti molto della ricchezza della vita… Se sospetti che sia il tuo caso, perché non provare qualche seduta di counselimng o psicoterapia? Potresti scoprire molta gioia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *